Blog, Enogastronomia, Regno Unito

The history of afternoon tea: an undeniably British tradition

Unbeknownst to many, the ritual of afternoon tea, the most renowned British tradition par excellence,  is a rather new tradition.

Tea drinking dates back to more ancient times, indeed to the 3rd Millennium B.C.  in China but it became popular in England in the 1660s thanks to King Charles II and his Portuguese spouse, the Infanta Catherine de Breganza. However, the concept of having afternoon tea didn’t come on the scene until the mid-19th century.

Source: http://www.justfiveaclocktea.com

It was around this time, more specifically, in 1840, that Anna, the 7th Duchess of Bedford is said to have complained of  having a “sinking feeling” during the late afternoon. Up until that time, it was customary for people to eat only twice a day, at breakfast and at dinner time, which was at about 8 p.m. This meant that there was a long time between the two meals. The Duchess found a solution in savouring a pot a tea consisted of a tray of tea, with some bread and butter and cake, which she privately indulged in during the afternoon in her private boudoir.  Some time earlier, the Earl of Sandwich came up with the innovative idea of putting a filling between two slices of bread, thus the sandwich as we know it today came to be.  This “afternoon tea ritual”  soon became a regular occurrence at Woburn Abbey and she was known to invite friends around too.

Other social hostesses soon picked up on the idea and afternoon tea became a respectable enough practice to move it the into the drawing room and before long all, it became a fashionable social event where members of the jet set were sipping tea and munching on sandwiches between 4 and 5 p.m. However, it officially became a formal occasion when Queen Victoria started to engage in the ritual of partaking in afternoon tea delicacies.

Source: http://www.afternoontea.co.uk

You can often find hotels and sophisticated coffee houses serving ‘high tea’. Upper class citizens were known to serve a ‘low’ or ‘afternoon’ tea at around four o’clock, prior to the customary walk through Hyde Park that was all the rage at that time. While members of the middle and lower classes indulged in a more substantial ‘high’ tea at about 5-6 p.m. instead of having a dinner later on in the evening. The names of the meals actually originate from the height of the tables on which the meals were served.

Afternoon tea menu

When one thinks of afternoon tea, the first thing that springs to mind is that it involves elements like etiquette, lace and exquisite, dainty food.

An afternoon tea menu is generally very light and consists of crust-less finger sandwiches usually on buttered bread with fine slices of cucumber, smoked salmon or chopped boiled egg and watercress. Scones are also served with clotted cream and preserves such as marmalade or lemon curd.

Popular tea blends for this afternoon break include black teas (made with loose tea leaves and using a tea strainer) such as Earl Grey and Assam or herbal teas like chamomile and mint.

Source: http://www.pinterest.de

Afternoon tea etiquette

Source: http://www.ohhowcivilized.com

Afternoon tea is traditionally served in three courses on a 3-tiered curate stand alongside a pot of tea with one’s finest porcelain crockery . The order in which afternoon tea delicacies should be eaten will be described below.

First Course

Although afternoon tea is considered to be a rather formal affair, it actually requires eating with your fingers and not cutlery.

Tea sandwiches and savoury items should be eaten first in at most 2-3 bites. You shouldn’t touch any food that you are not going to eat, and these should be eaten off your plate.

Finish all the tea sandwiches and savouries prior to passing onto the second course.

Second Course

Scones must be served with clotted cream and jam (usually strawberry) alongside a selection of other preserves including lemon curd. Scones must also be eaten with your fingers.

Select the scone you will be eating from your plate. Using the spoons provided, put a dab of jam and clotted cream onto your plate.

Knives are used to spread the jam and cream onto your scones.

Do not use the same spoon for both the jam and the clotted cream. Most importantly, do not use the serving spoon to put the jam or cream directly onto your scone.

Source: http://www.theheritagecook.com

Third Course

The desserts are the third and final course of the afternoon tea ritual and like the previous courses, this course must be eaten with your fingers.

All pastries and sweets should be dainty delicacies which can be consumed in 2-3 bites.

Although several foreign visitors to the UK still believe that afternoon tea is a customary habit where everyone stops for a cuppa, unfortunately, afternoon tea has now become a luxury for the British too; perhaps savoured during a birthday treat in a hotel out in the country, or a weekend break after going on a spending spree in the city.

Apart from being able to indulge in expensive afternoon tea served at sophisticated restaurants and coffee houses such as The Ritz, or Claridge’s in London to name but a few, there are also many other locations worthy of note throughout the UK in which you can savour this traditional ritual.

A particular way to enjoy afternoon tea in London is the Brigit’s Bakery Afternoon Tea Bus Tour (see https://b-bakery.com/london/bus-tours/afternoon-tea-bus-london) or go to Betty’s Tea Rooms in Harrogate or York (see: https://www.bettys.co.uk/traditional-afternoon-tea ).

Source: http://www.b-bakery.com

Nowadays, afternoon tea is normally savoured within the comfort of your own home with a piping hot cuppa (made with a teabag) and a selection of biscuits to dunk in your tea or perhaps a quick sandwich with a filling of your choice to keep the hunger pangs at bay until your evening meal.

Source: http://www.pinterest.com
Enogastronomia, Turismo

In giro per l’Italia: di sagre, castelli e meveza ‘mbuttunata…

Turismo locale enogastronomico

Oggi è sabato 20 giugno 2020, una data che difficilmente la città di Cava de’ Tirreni dimenticherà. Ogni anno si tiene la tradizionale Sagra di Monte Castello, una festa religiosa abbinata a un tradizionale corteo storico medievale, fatto di dame, cavalieri, musici, soldati e archibugi.

A causa della recente pandemia, l’edizione di quest’anno è stata limitata alla celebrazione eucaristica e alla tradizionale benedizione della città dall’alto della collina che la sovrasta. Monte Castello, appunto!

Ma volete mettere l’odore di aceto della milza, il rullare dei tamburi e gli spari degli archibugi che accompagnano da decenni questa giornata? Le bandiere, i costumi medievali, i casali, gli archibugi (tipica arma medievale), gli spari in villa comunale e i fuochi d’artificio la sera conclusiva della festa… Ognuno porta in cuor suo un ricordo legato a questa manifestazione, che lo riporta ad antichi sapori e tradizioni che appartengono alla sua famiglia da diverse generazioni, e che è ormai parte del suo dna.

Ogni cavese che si rispetti ha in cuor suo la nostalgia di tutto ciò e io non posso dire di sentirmi diversamente…

Per darvi solo un assaggio culinario di come si festeggia questa festa voglio lasciarvi la ricetta del piatto tipico, per antonomasia, di Cava de’ Tirreni… a meveza ‘mbuttunata (la milza imbottita):


Ingredienti:

1 milza di vitello

prezzemolo abbondante

2 spicchi d’aglio

100 grammi di aceto di vino rosso

1 bottiglia di vino rosso

peperoncino piccante

sale e olio q.b.

Procedimento:

Eliminare il grasso esterno dalla milza e creare un buco al centro in senso verticale per ottenere una specie di sacca che andrà condita con prezzemolo tritato, aglio, sale e peperoncino piccante. Quindi, in una pentola alta e larga soffriggere i 2 spicchi di aglio in olio bollente e aggiungere la milza e far dorare su entrambi i lati, appena dorata, innaffiare con vino e  aceto, far cuocere a fuoco moderato per circa 1 ora. A cottura ultimata, far raffreddare e dopo tagliare a fette di circa 2 cm, prestando attenzione al ripieno. 

Per vivere davvero la festa con tutti i crismi purtroppo dobbiamo aspettare il prossimo anno. Sarà sicuramente un’esperienza unica per chi la vive ogni anno da quando era bambino e per chi viene da lontano e sceglie Cava per fare una breve sosta…

Blog, Enogastronomia, Turismo

The Queen of Neapolitan patisserie: The “Sfogliatella”

by Thérèse N. Marshall

Eduardo De Filippo, the famous Neapolitan actor, playwright, screenwriter, author and poet, best known for his works Filumena Marturano and Napoli Milionaria. once said, “Quanno vene ’a notte e ’o core se ne scenne, mangia ’na sfogliatella e ’o core se ne saglie!” (“When the night falls and your heart sinks deep, eat a sfogliatella and your heart will soar!”)

When you go on a trip to Naples it is absolutely impossible to resist the temptation to avidly bite into one of its typical desserts, the “Sfogliatella”. It is one of the most renowned and widely-appreciated symbols of the illustrious gastronomic and confectionery tradition of Campania. There are two variants: the “riccia” (with a very thin, flaky, crispy Phyllo pastry casing) or the “frolla” (with a soft and crumbly shortcrust pastry casing), enclose a scrumptious filling made of semolina, milk, ricotta cheese, sugar and eggs, flavoured with cinnamon, orange blossom and “millefiori” flavourings that give it its unmistakable, highly fragrant aroma.

The origins of the “Sfogliatella”

The tradition linked to the “Sfogliatella” dates back to 1600, where on the Amalfi Coast (Salerno), more specifically in the area located between Furore and Conca dei Marini, there was the convent of Santa Rosa (St. Rose), inhabited by cloistered nuns.

One day, going beyond her usual culinary routine, a nun named Clotilde decided to make a dessert using some leftover semolina which she soaked in milk, added some lemon liqueur (now known as “limoncello” and some dried fruit. She made this mixture go further by adding some wine and lard.  Then she created a pocket-like pastry casing resembling a monk’s hood that she stuffed with the fragrant filling and finally she baked it in the convent oven. This was topped with a swirl of confectioner’s custard filling and a black cherry.

Little did she know that she had created a dessert, known as  the “Santa Rosa”, named after the convent, that would be adored by Neapolitans and tourists alike for time immemorial.

The “Santa Rosa”

The Neapolitan “Sfogliatella”

The dessert arrived in Naples only 200 years later. The secret recipe of the “Santa Rosa” jealously cherished by convent was discovered and revisited by innkeeper Pasquale Pintauro who discovered and revisited the traditional recipe. He transformed his small tavern in Via Toledo into a renowned confectionery workshop. After having removed the cream filling and black cherry topping, Pintauro modified the aesthetic appearance of the dessert, by enclosing the filling in a shell-shaped Phyllo pastry casing.

The “Sfogliatella Frolla” (with a shortcrust pastry casing)

The “Sfogliatella Riccia” (with a Phyllo pastry casing)

Pintauro’s pastry shop is still open today, although it has changed management, yet its original name and shop sign remains; every day, it churns out countless “sfogliatelle” to the delight of the many visitors, coming from near and far, lured by the unmistakable fragrance the pervades the streets of Naples.

Variations to the original recipe

In addition to the two classic versions of the Sfogliatella: the “riccia” (with a Phyllo pastry casing) and the “frolla” (with a shortcrust pastry casing), also the original “Santa Rosa” can still be found today (garnished with cream and sour black cherries in syrup), alongside the “Coda di aragosta” (lobster tail)  that has a more-elongated Phyllo pastry casing and a wide variation of fillings (confectioner’s cream, fresh cream or chocolate).

Coda d'Aragosta mignon - Dolciaria acquaviva

The “Coda di aragosta” (Lobster tail)

There is no lack, of course, of the most original variations at the discretion of the style and creativity of the individual pastry shops. In fact, nowadays you can find not only innovative variations of the original dessert,  such as “Vesuviella”, reminiscent of the nearby Mount Vesuvius, “Konosfoglia” with an ice-cream filling and “Campanella”, cone-shaped delicacies with a Sfogliatella and rum baba all rolled into one, or there are also savoury versions that are ideal examples of street food to keep away the hunger pangs while strolling through the bustling streets of Naples.

The “Konosfoglia” (Ice-cream filled Phyllo pastry cone)

 Below are two poems, taken from the website: http://sfogliatella.it/ written in the Neapolitan dialect dedicated to these two delicacies of  traditional Neapolitan patisserie:

Tra Amalfi e Positano, mmiez’e sciure

nce steva nu convent’e clausura.

Madre Clotilde, suora cuciniera

pregava d’a matina fin’a sera;

ma quanno propio lle veneva‘a voglia

priparava doie strat’e pasta sfoglia.

Uno ‘o metteva ncoppa,e l’ato a sotta,

e po’ lle mbuttunava c’a ricotta,

cu ll’ove, c’a vaniglia e ch’e scurzette.

Eh, tutta chesta robba nce mettette!

Stu dolce era na’ cosa favolosa:

o mettetteno nomme santarosa,

e ‘o vennettene a tutte’e cuntadine

ca zappavan’a terra llà vicine.

A gente ne parlava, e chiane chiane

giungett’e’ recchie d’e napulitane.

Pintauro, ca faceva ‘o cantiniere,

p’ammore sujo fernette pasticciere.

A Toledo  nascette ‘a sfogliatella:

senz’amarena era chiù bona e bella!

‘E sfogliatelle frolle, o chelle ricce

da Attanasio, Pintauro o Caflisce,

addò t’e magne, fanno arrecrià.

So’  sempe na delizia, na bontà!

English translation:

Between Amalfi and Positano,

immersed in a floral array

there was a cloistered convent.

Sister Clotilde, assigned to kitchen duties

Prayed from morning to night;

yet when it took her fancy

she prepared two layers of pastry.

Putting one on top and the other underneath,

Stuffed with a filling made with ricotta cheese.

Eh, she put all this stuff inside!

This dessert was absolutely unique:

It was called “Santa Rosa”,

and it was sold to all the peasants

who hoed the local land.

It became the talk of the town, gradually

the Neapolitans heard of it.

Pintauro, once an innkeeper, to make it,

magically turned into a pastry chef.

The “Sfogliatella” was born on Via Toledo:

it was more beautiful and delicious without its black cherry!

‘Sfogliatelle either “frolle”, or “ricce”

Whether you eat them at Attanasio’s, Pintauro’s or Caflisch’s,

they’re finger-lickin good.

They’re always so delightful, a true delicacy!

So’ doje sore: ‘a riccia e a frolla. Miez’a strada, fann’a folla.
Chella riccia è chiù sciarmante: veste d’oro, ed è croccante, caura, doce e profumata.
L’ata, ‘a frolla, è na pupata. E’ chiù tonna, e chiù modesta, ma sì a guarde, è già na festa!
Quann’e ncrontre ncopp’o corso t’e vulesse magnà a muorze.
E sti ssore accussì belle sai chi sò? Sò ‘e sfugliatelle!

English translation:

There are two sisters: the “riccia” and the “frolla”. People come to see them from near and far. The “riccia” is more enchanting: adorned with gold, she is crispy, hot, sweet and fragrant. While the other, the “frolla” looks just like a doll. She is more robust, more modest and she makes many heads turn!  When you meet them in the street, you would love to eat them with your eyes!

Do you know who these beautiful sisters are? They’re sfogliatelle!

There are countless places where sfogliatellas can be savoured, here are only a couple to whet your appetite!

Pintauro: https://www.pintauro.eu/it/

Attanasio: http://sfogliatelleattanasio.it/home.html

Cuor di Sfogliatella: https://www.cuoridisfogliatella.it/

Enogastronomia, Regno Unito

Un assaggio di Sheffield

E per chi volesse cimentarsi nella realizzazione di questa ricetta ma non conosce l’inglese, ecco a voi la traduzione in italiano passo passo!

[Per la ricetta originale in inglese seguite il link https://translationandwords.com/2020/06/07/un-assaggio-di-sheffield/ ]

La Meat and Potato Pie con la sua speciale Henderson’s Relish, la “salsa Hendos”: un’altra esclusiva di Sheffield! Eccovi la ricetta, tutta britannica, qui preparata dalla nostra “corrispondente speciale da Sheffield”, Stephanie Patterson. Buon appetito!

Meat and Potato Pie

Per 4 persone

Ingredienti:

600 g di carne di manzo a pezzetti

1 cipolla grande tritata finemente 

3 dadi OXO o dadi di carne 

1 cucchiaio di Lea & Perrins Worcestershire sauce o Henderson’s relish

1 litro d’acqua

100 g di salsa gravy (salsa di carne) di vitello

600 g o 6 patate medie – pelate e tagliate a quarti 

500 g di pasta brisé pronta all’uso o fatta in casa

½ cucchiaino di sale per le patate

1 uovo sbattuto

Procedimento:

  1. Mettere la carne, la cipolla, il dado, la salsa relish e l’acqua in una padella larga o in una slow cooker.
  1. Portare a ebollizione e abbassare la fiamma per far cuocere lentamente finché la carne non diventa morbida. Aggiungere il mix per la salsa gravy e lasciarla insaporire e addensare. Far raffreddare
  2. Mettere le patate in una casseruola e coprirle con acqua. Aggiungere un pizzico di sale. Far bollire le patate con il sale fino a che non siano cotte, ma senza sfaldarsi. Scolare le patate e lasciarle a raffreddare (se il ripieno non si raffredda, la pasta brisé assorbirà il liquido diventando difficile da lavorare).
  1. Srotolare la pasta brisé e stenderla in uno spessore di circa 1 cm. Foderare con la pasta un piatto da forno. Aggiungere le patate e versarvi sopra la carne, assicurandosi che il composto sia ben omogeneo. Ricoprire tutto abbondantemente con salsa gravy. Coprire l’intera superficie del piatto e ritagliare i bordi per creare una finitura ben definita.
  1. Fare 3 tagli diagonali nella pasta per far fuoriuscire i vapori. Utilizzando un pennello morbido coprire la pasta con un sottile strato di uovo sbattuto. Ciò darà all’impasto un bel colore dorato.
  1. Mettere in forno, preriscaldato a 200° finché la crosta non sia dorata e il ripieno fumante. 
  2. Servire con abbondante salsa gravy ed Henderson’s relish. Buon appetito!

Salsa gravy: salsa della tradizione inglese e americana per accompagnare la carne https://www.agrodolce.it/ricette/salsa-gravy/

Per saperne di più sulla Henderson’s Relish, fare clic qui: https://www.hendersonsrelish.com/the-relish/

Per saperne di più ed acquistare la Lea & Perrins Worcestershire sauce, fai clic qui: https://www.leaandperrins.co.uk/our-sauce

Enogastronomia, Regno Unito, Tradurre

A taste of Sheffield

E’ domenica: gustate con noi la Meat and Potato Pie con la sua speciale “salsa Hendos”: un’altra esclusiva di Sheffield! Eccovi la ricetta, tutta britannica, qui preparata dalla nostra “corrispondente speciale da Sheffield”, Stephanie Patterson. Buon appetito!

Meat and Potato Pie

Serves 4

Ingredients:

600g diced beef

1 large, finely-chopped onion

3 beef OXO or stock cubes

1 tablespoon Lea & Perrins Worcestershire sauce or Henderson’s relish

1litre water

100g of beef gravy mix

600g or 6 medium potatoes – peeled and cut into quarters

500g ready-to-roll or homemade shortcrust pastry

½ teaspoon salt for the potatoes

1 beaten egg

Method:

  • Add beef, onions, stock cubes, relish and water to a large pan or slow cooker.
  • Bring to the boil and reduce heat and cook slowly until the beef is tender. Add gravy mix until the gravy is rich and thick. Leave to cool.
  • Put the potatoes in a saucepan and top up with water until it just covers them. Add a pinch of salt to the water. Boil the potatoes with salt until they are just cooked through but still firm. Drain the potatoes and leave with the beef to cool (if the fillings are not left to cool, they will make the pastry soggy and difficult to handle).
  • Roll the pastry to a thickness of approximately 1cm and line the bottom of an ovenproof dish. Add the potatoes and pour over the beef, making sure that the meat pieces are spread evenly. Top up with gravy until both the meat and potatoes are covered. Cover the entire surface of the dish and trim the edges to create a tidy finish.
  • Make 3 diagonal cuts in the pastry to release any steam. Using a soft brush, cover the pastry with a thin wash of beaten egg. This will give the pastry a nice brown finish.
  • Put in the oven, pre-heated to 200° until pastry is browned and the filling is piping hot.
  • Serve with plenty of extra gravy and Henderson’s relish and enjoy!

To find more about and to purchase Henderson’s Relish, click here: https://www.hendersonsrelish.com/the-relish/

To find more about and to purchase Lea & Perrins Worcestershire sauce, click here: https://www.leaandperrins.co.uk/our-sauce

To find more about and to purchase OXO stock cubes, click here: https://www.oxo.co.uk/#

Enogastronomia

5 cose da fare per tradurre una ricetta

Nel mio ultimo post ho pubblicato la traduzione di una ricetta. Ma qual è il processo di elaborazione dal testo A di partenza al testo B di arrivo? Il processo di traduzione non è qualcosa di immediato, ma passa attraverso diverse fasi. Di seguito vi indico il percorso che ho seguito per la traduzione di questo tipo di testo.

Dividiamolo per fasi:

  1. Lettura generale del testo per avere un’idea di cosa si tratta. Segue una lettura più approfondita per capire quali possono essere le difficoltà del testo.
  2. Trattandosi di una ricetta è un testo breve che può nascondere delle insidie. A questo punto ho individuato tutte le parole da cercare e le ricerche eventuali da fare.
  3. Ho iniziato a tradurre realizzando la prima bozza del testo.
  4. Terminata la prima stesura mi sono presa una pausa per prendere le distanze dal testo. In questo modo posso avere il giusto distacco per poi rileggere e individuare gli errori.
  5. Ho letto e riletto più volte la versione definitiva.

Le difficoltà di questo tipo di traduzione sono legate soprattutto alla terminologia specifica, le eventuali conversioni da fare tra le unità di misura, i prodotti non reperibili dei quali non esiste un equivalente esatto di quello del paese di origine. Ovviamente è importantissimo il contesto in cui una ricetta si inserisce. Non si tratta di una semplice lista di ingredienti e di una procedura da seguire, ma porta con se’ un significato culturale. Un particolare ingrediente può essere più o meno reperibile, perché tipico di quel paese in cui la ricetta ha origine. In poche parole se io che sono in Italia, decido di preparare un piatto tipico di un altro paese, è probabile che non avrò tutti gli ingredienti adatti e che dovrò accontentarmi di un sostituto di un ingrediente che si trova solo nel paese in cui quel piatto è diffuso.

Enogastronomia

Io resto a casa e viaggio dalla mia scrivania

In questo periodo di quarantena, perché non pensare di viaggiare attraverso delle curiosità e ricette tipiche di altri paesi del mondo? Ho pensato di raccoglierne un po’ per viaggiare insieme senza spostarci da casa!

Vi lascio la prima ricetta:

é una cheesecake semplice tipica della pasticceria dei paesi anglosassoni. Ne esistono diverse varianti, questa è abbastanza semplice da fare.

Cheesecake alle fragole senza cottura

Ingredienti

  • 2 cucchiaini di olio di semi di girasole
  • 200 g di biscotti digestive
  • 100 g di burro non salato
  • ½ cucchiaino di cannella
  • 100 g di cioccolato bianco, tagliato grossolanamente
  • 400 g di fragole, a fette, più altre fragole per la decorazione
  • 300 g di formaggio spalmabile
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia
  • ½ limone non trattato, solo la buccia finemente grattugiata
  • 1 cucchiaio di miele fluido o sciroppo d’acero
  • 200 ml di panna

Procedimento

  1. Spennellare l’interno di uno stampo a cerniera da 20 cm con l’olio di semi di girasole, e foderarlo con della carta forno. 
  2. Mettere i biscotti digestive in un sacchetto da freezer richiudibile. Far fuoriuscire tutta l’aria e chiudere il sacchetto. Rompere i biscotti con un matterello, fino a ridurli in briciole sottilissime.
  3. Sciogliere il burro in una casseruola. Mescolare il burro con i biscotti e la cannella. Mettere il composto sul fondo dello stampo. Far raffreddare in frigorifero per 30 minuti.
  4. Tagliare 150 g di fragole a metà partendo dalla punta verso il basso e disporle lungo il bordo dello stampo, con la parte tagliata verso l’esterno. Tagliare le rimanenti fragole in pezzi piccoli. 
  5. Sciogliere il cioccolato in una ciotola resistente al calore, oppure a bagnomaria, assicurandosi che la ciotola non entri in contatto con l’acqua, oppure mettere nel microonde.
  6. Sbattere insieme il formaggio, la vaniglia, la scorza di limone e il miele in una ciotola. Versare le fragole tagliate. 
  7. In un’altra ciotola montare la panna a neve ferma.
  8. Incorporare il cioccolato fuso nel composto di formaggio, unire poi la panna. Aggiungere altro miele se necessario. 
  9. Spalmare il composto ottenuto nello stampo, facendo attenzione a non far spostare le fragole dal bordo. Livellare con una spatola o con il retro di un cucchiaio, coprire con una pellicola e porre in frigo tutta la notte, affinché si solidifichi.
  10. Rimuovere delicatamente la cheesecake dallo stampo e porre su un piatto da portata. Tagliare a fette o in quarti delle fragole e disporle sulla parte superiore per decorare.

Potete trovare la ricetta originale a questo link https://www.bbc.co.uk/food/recipes/no-bake_strawberry_30276

Enogastronomia, Regno Unito

Fish and chips!

fish-and-chips-656223_1920

L’altra sera ci siamo cimentati così per gioco nella realizzazione di un adattamento di questa ricetta. Ovviamente l’originale è tutta un’altra cosa… Intanto mi è venuta la curiosità di cercare la ricetta e tradurla! La prossima volta la seguirò alla lettera…

Qualche cenno sulle origini

Nessuno conosce precisamente quando il pesce e le patate si sono unite. Le patate fritte sono arrivate in Gran Bretagna dalla Francia nel diciottesimo secolo dove erano già note come “pommes frites”. La prima volta che le patate fritte sono state nominate risale al 1854 quando uno chef famoso, Shilling Cookery, le ha inserite nel suo libro di cucina definendole come “patate a fette sottili cotte nell’olio”. All’epoca i depositi del pesce vendevano pesce fritto e pane, lo dice anche Charles Dickens in Oliver Twist pubblicato nel 1830.

Fish and chips è diventato famoso durante la Prima Guerra Mondiale, poiché ha rappresentato un valido mezzo di sostentamento per la popolazione. E poiché pesce e patate sono due dei pochi alimenti non razionati nella Seconda Guerra Mondiale, il piatto tradizionale ha mantenuto la sua diffusione.

Ci sono circa 11000 negozi di fish and chips nel Regno Unito e in Irlanda, e altri negozi sparsi per il mondo, perciò è davvero facile trovarlo.

Ingredienti

Per il pesce

55 grammi di farina
55 grammi di amido di mais
1 cucchiaino di bicarbonato
Sale (q.b.)
Pepe nero (q.b.)
59 ml di birra (birra scura)
78 ml di acqua minerale gassata
4 filetti di pesce (pesce bianco, spesso, preferibilmente sostenibile, merluzzo nero, o eglefino)

Per le patate
1 kg di patate circa (pelate)
1 litro di olio vegetale (o strutto o grasso per cucinare)

Preparazione:

In una ciotola grande unire la farina, l’amido di mais e il bicarbonato. Insaporire leggermente con un pizzico di sale e pepe.
Con l’aiuto di una forchetta, e mescolando continuamente, aggiungere la birra e l’acqua al miscuglio di farina e continuare a mescolare fino ad ottenere una pastella densa e omogenea. Porre la pastella in frigo a riposare per circa 30 minuti/un’ora.
Tagliare le patate in fette di circa 1 cm, quindi tagliare le fette ottenute in altre fettine larghe 1 cm. Porre le patate in uno scolapasta e sciacquare sotto acqua fredda corrente.
Mettere le patate lavate in un tegame con acqua fredda e portare lentamente a ebollizione, lasciar cuocere a fuoco lento per 3 o 4 minuti.
Scolare accuratamente con uno scolapasta e asciugare con carta da cucina. Riporre in frigo coperto con carta da cucina fino al momento di utilizzarle.
Nel frattempo mettere i filetti di pesce su un foglio di carta da cucina e assorbire il liquido in eccesso. Insaporire con un pizzico di sale marino.
Riscaldare dell’olio in una padella a 180° in una friggitrice o in una padella ampia e profonda. Cuocere le patate mettendone poche manciate per volta nell’olio per qualche minuto. Non devono diventare scure. Una volta che le patate sono leggermente cotte toglierle dall’olio e farle sgocciolare. Tenere le patate su un solo lato.
Mettere 2 cucchiai di farina che avrete messo precedentemente da parte in una ciotola. Ripassare ogni filetto nella farina e scuotere per eliminare eventuali eccessi.
Immergerli nella pastella.
Quindi porli nell’olio bollente. Friggere per circa 8 minuti, o finché diventino croccanti e dorati, rigirandoli di tanto in tanto con una schiumarola.
Con la stessa schiumarola, togliere il pesce dall’olio una volta cotto, scolare e asciugare con carta da cucina, coprire con carta oleata e mantenere al caldo. Riscaldare l’olio a 200°C e cuocere le patate finché non diventano dorate e croccante per 5 minuti.
Servire immediatamente con il pesce caldo accompagnato dal vostro condimento preferito.

Buon appetito!

[fonte: traduzione e adattamento liberamente tratti dal web]

Enogastronomia

Il caffè, una sola bevanda… mille tradizioni

IMG_20181108_145925_719Come ogni traduttrice che si rispetti nella mia giornata non manca mai una bella tazza di caffè nero bollente. È il simbolo di chi lavora da casa, associato al laptop, al gatto, agli strumenti del mestiere dei freelance. Oggi dopo l’ennesimo caffè bevuto alla scrivania mi è venuta la curiosità di fare un po’ di ricerche sulla storia del caffè e sui diversi modi di preparalo. In Italia, soprattutto a sud, lo preferiamo corto e deciso, ma se andiamo all’estero i gusti cambiano. Negli altri paesi è molto più diffusa la versione lunga dell’espresso. La caratteristica comune è la presenza di questa tazza o tazzina ad accompagnare le nostre giornate.

Dai semi della pianta del caffè, che appartiene al genere Coffea, della famiglia delle Rubiacee, si ottiene la bevanda più conosciuta a consumata al mondo: il caffè.

Le sue origini non sono note, sicuramente si diffuse prima nel mondo arabo per poi arrivare in Europa. Il termine caffè deriva dalla parola araba “qahwa”, che  identificava una bevanda prodotta dal succo estratto da alcuni semi, che provocava effetti eccitanti e stimolanti. Dal termine “qahwa” si passò alla parola turca “qahvè“, parola riportata in italiano con “caffè”. In Italia le prime botteghe del caffè arrivarono nel 1645.

Attualmente è una delle bevande più diffuse al mondo e anche se rivisitata e presentata in diverse versioni, più o meno fedeli all’originale, è apprezzata in tutto il mondo.

Ma perché ha assunto questo ruolo così importante dal punto di vista sociale?

È sicuramente una bevanda economica e facilmente accessibile. Veloce da preparare e alla portata di tutti, si presta a essere bevuto in compagnia e stimola la conversazione. Basta avere una tazza di caffè davanti per iniziare una conversazione. In alcuni casi è quasi un delitto bere un caffè da soli, così come recita il famoso detto “chi non beve in compagnia o è un asino o una spia!”… lo stesso discorso vale anche per il caffè, soprattutto al sud. Qui il caffè è un gesto di cortesia e una modalità di approccio molto usata. E rifiutare una tazza di caffè è un’offesa quasi grave. Può compromettere le trattative per un contratto di lavoro o addirittura un’amicizia.

Anche andare a prendere un caffè a casa di qualcuno è un gesto di cortesia e un modo di interagire in ambito sociale. In questo caso offrire un caffè non solo è una cortesia, ma quasi un atto dovuto… Non sia mai che l’ospite vada via dicendo “non mi ha offerto nemmeno il caffè…”

**********************************************************************************

In my working day coffee is always there! Dark, strong and very hot. It’s a freelance icon, together with laptop, cats and other working tools. While I was drinking my coffee today, at my desk, I asked myself about coffee history and related traditions. In the south of Italy for example we drink it as expresso, while in other countries people prefer long one. The thing we all share is the presence of a cup of coffee all day long.

This beverage comes from the seeds of coffee plant, belonging to Coffea, from Rubiacee family.

Its origins are not known, but coffee diffused firstly in Arabian world later arriving in Europe. The word coffee comes from the arab word “qahwa”, which was the name of a beverage derived from some seeds and had stimulating effects. Later the turkish word “qahvè” derived from the arabic word, which became “caffè” in Italian. Here in Italy, the first coffee shops opened in 1645.

Nowadays is one of the most diffused and appreciate beverage all over the world, even in different versions.

Why coffee has such important role in social life?

Sure it’s chip and easy to make. Everyone can do it, and can be drunk together with friends or colleagues. We can start conversation in front of a cup of coffee! Sometimes it’s almost a crime drinking a coffee alone, like the old Italian saying “chi non beve in compagnia o è un ladro o una spia!”… same thing for coffee in Italy, particularly in the south. Here coffee means kindness, a way to approach people. Refusing a cup of coffee offered by someone is a real offence. This refuse can compromise business activity or a friendship. Same thing when you are invited at home by someone. In this case offering a cup of coffee is not only polite, but it’s a must… What a shame if someone leaves your house saying “He doesn’t even offer me a cup of coffee…”