Blog, Turismo

What is “Ferragosto” and why is it so important to Italians?

source: http://www.columbusassicurazioni.it

In Italy, August is a rather unique month.

In fact, Italians often consider it the best month of the year, as it marks a period in which they can get away from the blistering heat of the city and go on a well-deserved holiday after working or studying hard all year long, spending time with their family and friends either on the beach or in the mountains. Sardinia, Sicily, Apulia and the Amalfi coast are some of the most popular destinations visited by holidaymakers at this time, while others decide to venture further afield and go abroad.

The reason for all this excitement is focused on one particular day – 15th August, also known as “Ferragosto”. In the local area, in terms of religious importance, it is second only to Christmas and is characterised by at least a day away from the office, surrounded by food, drink and the company of your loved ones.

Besides the 15th August, the week around Ferragosto is usually celebrated with outdoor concerts, festivals, plenty of food and drink too!

But why do Italians celebrate this apparently random day right in the middle of the hottest month of the year?

Ferragosto, the Italian term for this holiday, derives from the Latin “Feriae Augusti” introduced by the Emperor Augustus himself way back in 18 BC, most likely in order to celebrate a battle victory and this was celebrated alongside other ancient Roman summer festivals linked to the longer Augustan period – intended as a long-awaited period of rest after months of hard work.

On this day, the Emperor would organise horse races all across the Roman Empire and people everywhere had huge feasts and celebrated. Remarkably, these horse races are still held today, as the second phase of the famous Palio in Siena, which traditionally takes place on 16th August but which this year has been cancelled due to Covid-19.

During the era of Fascism, Mussolini organised trips with special offers for the 13th-15th August, so that people who could not usually afford to go on holiday would get the opportunity at least to have a day-trip to visit another part of the country.

In the past, bank holidays used to mean the shutdown of most local businesses even in major towns and cities, bearing “Chiuso per ferie” signs, as well as reduced public transport schedules, the same went for Ferragosto. However, nowadays things have changed radically and so, on 15th August, most shops and supermarkets will remain open, some only until about 1.30 p.m., while for others, it is business as usual! Many museums and cultural sites will remain open, some of them enable you to enter free of charge. So, why not make the most of being able some of the tourist attractions open over the Ferragosto week in Naples (https://www.napolike.com/museums-open-in-Naples-in-August-2020-opening-hours ) or one of the many other museums and sites open throughout the rest of the Bel Paese.

While some events may still take place, especially if they are going to be held outside, it is most likely that the organisers have arranged for a limited number of guests in attendance, who will be required to maintain social distancing and it will be compulsory to wear a face mask. 

Nowadays, Ferragosto plays just as much a significant part of the daily life of Italians as it did in the past. So, if you are planning on attending an event, before setting off, it would be a good idea for you to make sure it has not been cancelled and what Covid-19 restrictions need to be complied with.

In addition to its pagan roots, particular emphasis is focused on Roman Catholic observances, as the Assumption of the Blessed Virgin Mary is also celebrated on 15th August, the day when the Virgin Mary is said to have ascended to heaven.

Although this religious observance is celebrated all over Italy, in the town where I live, Santa Maria Capua Vetere (Caserta, Italy), there is an extremely suggestive religious event that takes place every year during this period. This year is no exception but of course, it will be much more of a small-scale event and Covid-19 measures will have to be complied with.

Source: http://www.facebook.com

Feast of the Assumption of the Blessed Virgin Mary in Santa Maria Capua Vetere

Every year the Simulacrum of the Blessed Virgin Mary, the main patron Saint of the town of Santa Maria Capua Vetere, is honoured with solemn festivities starting on 4th August, when it is taken out of its original casing, dressed and displayed on the High Altar of the Cathedral in preparation for the traditional “kissing of the Virgin’s foot” by the faithful.

Source. http://www.wikiwand.com

This is followed by the Novena prayers recited over several days, culminating in the solemn celebrations held on 14th and 15th August. The procession that takes place in the evening of 14th August, during which many men choose to carry the extremely heavy simulacra of both the Blessed Virgin Mary and Saint Symmachus (the other patron saint of the town – celebrated on 22nd October) on their shoulders as a vow for graces received usually through Via Mazzocchi and around Piazza Mazzini, before returning to Piazza Matteotti.

Source: http://www.lavocesammaritana.com

Source: http://www.youtube.com

Another part of this display is when an image of the Blessed Virgin Mary is hoisted up from the façade of the Cathedral up to the bell tower and the noise made by the fireworks simulate the cries of the Virgin Mary. The festivities usually come to an end between 18th and 22nd August terminating with a pyromusical display usually held in the grounds of the local Amphitheatre, which is the second largest in the world, after the Colosseum in Rome.

Source: http://www.youtube.com

The first historical references to the “Feast of the Assumption” date back to the 15th century, as proven by the official visits of the sovereigns of Aragon to Santa Maria Capua Vetere on the occasion of this festivity.

Turismo

Viaggio in Italia

Il 2020 è l’anno del Covid-19. Tutto ciò che questo virus ha portato, più o meno indirettamente, più o meno trasversalmente, nelle nostre vite ci ha cambiato e continuerà a cambiarci. Alcune generazioni ricorderanno bene com’era la vita “prima”. Per altre generazioni, invece, il “dopo” sarà la normalità.

Per i più fortunati, una delle limitazioni difficili da accettare è, sicuramente, l’impossibilità di viaggiare alla scoperta del mondo e delle diversità culturali. Quanti di noi avevano in progetto un viaggio particolare, all’altro capo del mondo? Dopo mesi di chiusura, precauzioni, file, distanziamenti, la voglia di evadere è ancora più grande e, invece, ci ritroviamo con meno risorse e a dovere riprogrammare tutto, a scegliere destinazioni che probabilmente non avremmo scelto per svariati motivi. Ebbene sì, le cose cambiano e allora….

E allora noi cambiano destinazione: quest’estate andremo alla scoperta della nostra nazione, di ciò che ci rende simili e diversi e di tutto quello che, soprattutto, ci unisce!

Eccovi alcune immagini delle nostre meraviglie, che vi siano di ispirazione per le vostre destinazioni e… Buone vacanze!

Senza categoria, Turismo

Viaggio nel tempo: l’esercito che ha conquistato il futuro

Nella valle del Fiume Giallo, nel cuore della Cina, in un territorio ricco di limo fine, giallo e fertile, l’esercito di Xi’an ha attraversato i secoli e ha vinto la guerra per l’eternità… e forse era proprio questo l’intento di Qin Shi Huangdi. Il primo imperatore della Cina scelse infatti questo esercito di fanti, arcieri e cavalieri a protezione del suo mausoleo, opera ancora oggi in fase di scoperta.

Il sito archeologico di Xi’an, nonostante sia sempre affollatissimo, offre un’esperienza unica ed emotivamente intensa (in particolare per chi conosce le tribolazioni degli esami di Archeologia e storia dell’arte della Cina). Il parapetto che circonda l’immensa fossa dalla quale emergono, in fila, i soldati di Xi’an funge da stargate tra due epoche distanti oltre 2000 anni: l’esercito ordinato e fiero ci guarda, quasi a volersi presentare.

Accompagnati da carri e cavalli, anch’essi di dimensioni e finiture che lasciano trasparire il desiderio di aderenza alla realtà, sono oltre 8000 i guerrieri “emersi”, molti ancora attendono di essere presentati al futuro. Li scopriamo disposti, nelle tre fosse, in formazioni secondo uno schema militare, nel pieno rispetto delle gerarchie dell’epoca, distinguibili dall’abbigliamento, dalle acconciature e persino dalla disposizione delle mani. Uniti nel destino, i guerrieri di terracotta sono testimoni della straordinaria nascita di quella che oggi chiamiamo Cina: ognuno di essi racconta la storia anche attraverso il proprio volto, diverso da tutti gli altri, ma i cui tratti consentono di indovinarne la provenienza. Alcuni volti hanno in comune fronti spaziose e labbra carnose e, molto probabilmente, sono i volti dei soldati originari dal Guanzhong; altri dalla forma tonda e con il mento appuntito lasciano supporre che la provenienza fosse quella dell’attuale Sichuan.

Fra questi un’emozione particolare suscita il balestriere, o arciere, inginocchiato con le mani che sembrano stringere ancora una balestra che non esiste più. La sua balestra e le molte armi dei suoi commilitoni furono probabilmente saccheggiate dai tombaroli delle epoche passate. Anche il balestriere, come i suoi compagni di viaggio, è di dimensioni e aspetto “più che umani”: l’altezza della statua, che raffigura un uomo in ginocchio appunto, è di ben 122 cm; indossa una corazza a placche sopra la veste lunga, i gambali e le scarpe a punta quadrata. L’arciere era schierato, insieme ad altri tiratori, sulla postazione di avanguardia della fossa n. 2. Anche il suo corpo è stato fatto a mano, con incisioni la cui elaborazione semplice contrasta con la precisione del volto, con sopracciglia marcate e vivide a sottolineare la fierezza dello sguardo e uno chignon che raccoglie i capelli sul lato destro della testa, indicandone il rango.

Meraviglia del mondo, patrimonio dell’Unesco, Xi’an ci permette oggi di comprendere a pieno la grandezza di una civiltà troppo spesso, e troppo facilmente, stereotipata: Xi’an e il suo esercito rappresentano le conoscenze artistiche, tecnologiche, politiche e militari, e di molto altro ancora, che hanno reso le molteplici civiltà di questi territori unite in quella straordinaria realtà che è la Cina.

Turismo

Bologna è…

(alla scoperta dell’Archiginnasio)

Archiginnasio, Bologna

Recandomi a visitarlo munita di una piccola guida da leggere, ho finito per farmi l’idea che l’Archiginnasio è la metafora di un periodo particolare della vita entusiasmante e intensa di Bologna.

Erano anni di crescita e di fermento. Erano gli anni in cui Bologna si preparava a entrare nei secoli come “la rossa, la grassa, la dotta” (… e la turrita, sì!). Ed erano gli anni del Concilio, in pieno XVI secolo, e poiché a Trento correva il pericolo della peste, per un paio d’anni alcune sessioni del Concilio stesso vennero organizzate qui, dove Carlo Borromeo concretizzava l’idea di riunire le sedi universitarie cittadine in un unico polo. Illuminato dall’esigenza di riorganizzazione urbanistica e di ulteriore sviluppo culturale, il Borromeo, insieme a Pier Donato Cesi, affidò all’architetto Antonio Morandi la realizzazione di “nuove scuole” dove sarebbero confluite tutte le discipline studiate: benvenuti all’Archiginnasio!

La facciata dell’Archiginnasio, tutta porticati naturalmente, si contende lo spazio con la fiancata della basilica di San Petronio e con piazza Galvani. I materiali che prevalgono sono cotto e arenaria, voluti dal Morandi che, a quanto pare, deve il soprannome di Terribilia proprio alla scelta di decorare con motruosità antropomorfe e animalesche i mascheroni di alcune finestre dell’edificio.

All’ingresso, superato il piccolo atrio che si apre di fronte all’ampio cortile circondato dai porticati distribuiti su due livelli, ritrovo a destra e a sinistra gli scaloni che conducono al piano superiore dove si trovano ancora le 10 aule e, in fondo, le due aule magne destinate alle due categorie di studenti: gli artisti e i legisti. Il termine “artisti” potrebbe indurre a pensare che in questa categoria rientrassero studenti di materie come la musica e pittura; in realtà, gli artisti dell’Archiginnasio erano studenti di filosofia, scienze, matematica e medicina. I legisti, invece, studiavano il diritto canonico e il diritto civile.

Mi fermo qualche minuto al piano terra sotto il fresco dei porticati ad osservare il cortile, lo stesso che, ogni tanto qualche sera d’estate diventa punto di incontro fra lettori e scrittori. Leggendo scopro che in passato proprio in questo cortile si celebrava, fra gli altri, un evento altrettanto importante: la preparazione della Teriaca, il miracoloso preparato farmaceutico descritto anche nelle ricette della scuola salernitana. Ancora sotto il porticato, gli occhi non riposano e non mi servirà l’immaginazione per sentirmi circondata dall’autorevolezza degli stemmi araldici che decorano le pareti e il soffitto dei porticati e che mi accompagneranno anche lungo le pareti del loggiato del piano superiore. Gli stemmi araldici costituivano una “carta di identità” degli studenti esposta qui volutamente per testimoniare l’importanza e il prestigio dell’università bolognese.

Ancora al piano terra si trova la cappella di Santa Maria dei Bulgari: entrando scopro la vita della Madonna raccontata nei quadri di Bartolomeo Cesi e la Pala dell’Annunciazione del fiammingo Calvaert.

Per passare al piano superiore, dove si trovano le aule, il teatro anatomico e altre meraviglie, devo scegliere fra le scale degli artisti, celebrate con una memoria al medico Venceslao Lazzari, e le scale dei legisti, dedicate al patron Carlo Borromeo. Ne scelgo una a caso, ripromettendomi di scendere con l’altra!

Archiginnasio, Bologna

Lungo il loggiato superiore, stemmi, monumenti e iscrizioni si susseguono alternandosi fra le opere dedicate a grandi personaggi e gli ingressi alle aule, tra le quali primeggia il Teatro Anatomico. Progettato nella prima metà del XVII dal bolognese Levanti, il “teatro” in realtà era una vera e propria aula di anatomia con tanto di cadavere esposto al centro ed esaminato e spiegato dal docente agli studenti che occupavano quelli che, in un teatro, sarebbero appunto i posti del pubblico. Si presenta con la forma un anfiteatro interamente in legno d’abete, governato e sovrastato dall’eloquenza delle statue di importanti medici e anatomisti, sui quali domina l’Anatomia. Continuando lungo il loggiato trovo l’ingresso alla sala dello Stabat Mater, che scopro chiamarsi così, non per coincidenza, ma proprio per ricordare la prima dell’opera di Rossini tenutasi proprio in questa sala nel 1842 e diretta da Donizetti. Last but not least, la Biblioteca. Nata qualche secolo dopo, raccoglie, fra gli altri, i patrimoni cartacei di antiche congregazioni religiosi, e, in linea con la crescita culturale continua che caratterizza la città, continua a rinnovarsi. Oggi è possibile accedere a testi di vario tipo e consultarli proprio all’interno delle straordinarie sale di lettura, che ospitano anche convegni ed eventi vari.

La solennità degli stemmi, i tratti di barocchetto bolognese, le memorie a medici e personaggi illustri, le espressioni dei quadri dei santi e mille altri spunti, mi hanno lasciato con l’interesse e il gusto di guardare l’arte oltre l’immagine o la forma, scoprendone dettagli e storie.

Enjoy!

Enogastronomia, Turismo

In giro per l’Italia: di sagre, castelli e meveza ‘mbuttunata…

Turismo locale enogastronomico

Oggi è sabato 20 giugno 2020, una data che difficilmente la città di Cava de’ Tirreni dimenticherà. Ogni anno si tiene la tradizionale Sagra di Monte Castello, una festa religiosa abbinata a un tradizionale corteo storico medievale, fatto di dame, cavalieri, musici, soldati e archibugi.

A causa della recente pandemia, l’edizione di quest’anno è stata limitata alla celebrazione eucaristica e alla tradizionale benedizione della città dall’alto della collina che la sovrasta. Monte Castello, appunto!

Ma volete mettere l’odore di aceto della milza, il rullare dei tamburi e gli spari degli archibugi che accompagnano da decenni questa giornata? Le bandiere, i costumi medievali, i casali, gli archibugi (tipica arma medievale), gli spari in villa comunale e i fuochi d’artificio la sera conclusiva della festa… Ognuno porta in cuor suo un ricordo legato a questa manifestazione, che lo riporta ad antichi sapori e tradizioni che appartengono alla sua famiglia da diverse generazioni, e che è ormai parte del suo dna.

Ogni cavese che si rispetti ha in cuor suo la nostalgia di tutto ciò e io non posso dire di sentirmi diversamente…

Per darvi solo un assaggio culinario di come si festeggia questa festa voglio lasciarvi la ricetta del piatto tipico, per antonomasia, di Cava de’ Tirreni… a meveza ‘mbuttunata (la milza imbottita):


Ingredienti:

1 milza di vitello

prezzemolo abbondante

2 spicchi d’aglio

100 grammi di aceto di vino rosso

1 bottiglia di vino rosso

peperoncino piccante

sale e olio q.b.

Procedimento:

Eliminare il grasso esterno dalla milza e creare un buco al centro in senso verticale per ottenere una specie di sacca che andrà condita con prezzemolo tritato, aglio, sale e peperoncino piccante. Quindi, in una pentola alta e larga soffriggere i 2 spicchi di aglio in olio bollente e aggiungere la milza e far dorare su entrambi i lati, appena dorata, innaffiare con vino e  aceto, far cuocere a fuoco moderato per circa 1 ora. A cottura ultimata, far raffreddare e dopo tagliare a fette di circa 2 cm, prestando attenzione al ripieno. 

Per vivere davvero la festa con tutti i crismi purtroppo dobbiamo aspettare il prossimo anno. Sarà sicuramente un’esperienza unica per chi la vive ogni anno da quando era bambino e per chi viene da lontano e sceglie Cava per fare una breve sosta…

Blog, Regno Unito, Turismo

Covid-19 echoes lesson taught by Eyam in the 1665 battle with the Black Death

The Covid-19 crisis is a powerful reminder of how the inhabitants of the Derbyshire village that decided to self-isolate themselves in order to save others.

Between the villages of Eyam and Stoney Middleton, lies a gritstone boulder called the “boundary stone”.

During the 1665-1666 outbreak of the Bubonic Plague, in a famous act of self-sacrifice, the inhabitants of Eyam decided to quarantine themselves, so as to prevent the deadly disease from spreading. The inhabitants of Eyam would come to place money in six holes drilled into the top of the boundary stone, filled with vinegar (believed to kill the infection) in exchange for food supplies and medicine left by their concerned neighbours.

The boundary stone

The Great Plague in Eyam

In August 1665, the Bubonic Plaque (also known as the Black Death) reached the home of village tailor George Vicars, via a parcel of cloth he had ordered from London. As the cloth was damp, it hung out in front of the fire to dry, releasing the plague-infested fleas, claiming George as its first victim, who died of a raging fever on 7th September 1665.

As the number of deaths continued to increase, the village’s newly-ordained priest, William Mompesson, together with his Puritan predecessor Thomas Stanley managed to convince villagers that the only thing to do was quarantine the village, and face almost certain death, rather than spread the plague to neighbouring areas.

The Plague raged through Eyam for the following 14 months, causing at least 260 victims, until 1st November 1666, when it claimed its last victim. By the end of the outbreak, over a ¼ of the local population, amounting to about 1,000 people were dead.

“Social distancing” in 17th-century Eyam, meant not only isolation but also funeral services that were conducted outdoors reducing physical proximity with families forced to bury their own victims in fields and gardens rather than the local graveyard.

Eyam’s selfless villagers, with strong Christian beliefs, showed extreme personal courage and sense of self-sacrifice. Thanks to them, the Plague had been prevented from spreading to other parishes.

Once again, the experience of those villagers has proved to be a rude awakening as families, communities, towns and even countries on a global scale have to tackle the concept of quarantine.

The term originates from the Italian ‘quaranta giorni’, a clear reference to the 14th century practice requiring plague-infected ships from Venice to remain anchored for 40 days prior to landing.

 For modern-day residents of Eyam, the escalating fears provoked by the voracious Coronavirus have caused powerful echoes of those lessons learnt following the imposed self-isolation of those bygone days.

Eyam’s tragic yet courageous story proves to be a clear message to many, remaining an indomitable example not only of how viruses can be transmitted but also how effective social-distancing can actually contain further outbreaks.

A remembrance service is still held every Plague Sunday at Cucklett Delf, on the outskirts of the village.

Blog, Enogastronomia, Turismo

The Queen of Neapolitan patisserie: The “Sfogliatella”

by Thérèse N. Marshall

Eduardo De Filippo, the famous Neapolitan actor, playwright, screenwriter, author and poet, best known for his works Filumena Marturano and Napoli Milionaria. once said, “Quanno vene ’a notte e ’o core se ne scenne, mangia ’na sfogliatella e ’o core se ne saglie!” (“When the night falls and your heart sinks deep, eat a sfogliatella and your heart will soar!”)

When you go on a trip to Naples it is absolutely impossible to resist the temptation to avidly bite into one of its typical desserts, the “Sfogliatella”. It is one of the most renowned and widely-appreciated symbols of the illustrious gastronomic and confectionery tradition of Campania. There are two variants: the “riccia” (with a very thin, flaky, crispy Phyllo pastry casing) or the “frolla” (with a soft and crumbly shortcrust pastry casing), enclose a scrumptious filling made of semolina, milk, ricotta cheese, sugar and eggs, flavoured with cinnamon, orange blossom and “millefiori” flavourings that give it its unmistakable, highly fragrant aroma.

The origins of the “Sfogliatella”

The tradition linked to the “Sfogliatella” dates back to 1600, where on the Amalfi Coast (Salerno), more specifically in the area located between Furore and Conca dei Marini, there was the convent of Santa Rosa (St. Rose), inhabited by cloistered nuns.

One day, going beyond her usual culinary routine, a nun named Clotilde decided to make a dessert using some leftover semolina which she soaked in milk, added some lemon liqueur (now known as “limoncello” and some dried fruit. She made this mixture go further by adding some wine and lard.  Then she created a pocket-like pastry casing resembling a monk’s hood that she stuffed with the fragrant filling and finally she baked it in the convent oven. This was topped with a swirl of confectioner’s custard filling and a black cherry.

Little did she know that she had created a dessert, known as  the “Santa Rosa”, named after the convent, that would be adored by Neapolitans and tourists alike for time immemorial.

The “Santa Rosa”

The Neapolitan “Sfogliatella”

The dessert arrived in Naples only 200 years later. The secret recipe of the “Santa Rosa” jealously cherished by convent was discovered and revisited by innkeeper Pasquale Pintauro who discovered and revisited the traditional recipe. He transformed his small tavern in Via Toledo into a renowned confectionery workshop. After having removed the cream filling and black cherry topping, Pintauro modified the aesthetic appearance of the dessert, by enclosing the filling in a shell-shaped Phyllo pastry casing.

The “Sfogliatella Frolla” (with a shortcrust pastry casing)

The “Sfogliatella Riccia” (with a Phyllo pastry casing)

Pintauro’s pastry shop is still open today, although it has changed management, yet its original name and shop sign remains; every day, it churns out countless “sfogliatelle” to the delight of the many visitors, coming from near and far, lured by the unmistakable fragrance the pervades the streets of Naples.

Variations to the original recipe

In addition to the two classic versions of the Sfogliatella: the “riccia” (with a Phyllo pastry casing) and the “frolla” (with a shortcrust pastry casing), also the original “Santa Rosa” can still be found today (garnished with cream and sour black cherries in syrup), alongside the “Coda di aragosta” (lobster tail)  that has a more-elongated Phyllo pastry casing and a wide variation of fillings (confectioner’s cream, fresh cream or chocolate).

Coda d'Aragosta mignon - Dolciaria acquaviva

The “Coda di aragosta” (Lobster tail)

There is no lack, of course, of the most original variations at the discretion of the style and creativity of the individual pastry shops. In fact, nowadays you can find not only innovative variations of the original dessert,  such as “Vesuviella”, reminiscent of the nearby Mount Vesuvius, “Konosfoglia” with an ice-cream filling and “Campanella”, cone-shaped delicacies with a Sfogliatella and rum baba all rolled into one, or there are also savoury versions that are ideal examples of street food to keep away the hunger pangs while strolling through the bustling streets of Naples.

The “Konosfoglia” (Ice-cream filled Phyllo pastry cone)

 Below are two poems, taken from the website: http://sfogliatella.it/ written in the Neapolitan dialect dedicated to these two delicacies of  traditional Neapolitan patisserie:

Tra Amalfi e Positano, mmiez’e sciure

nce steva nu convent’e clausura.

Madre Clotilde, suora cuciniera

pregava d’a matina fin’a sera;

ma quanno propio lle veneva‘a voglia

priparava doie strat’e pasta sfoglia.

Uno ‘o metteva ncoppa,e l’ato a sotta,

e po’ lle mbuttunava c’a ricotta,

cu ll’ove, c’a vaniglia e ch’e scurzette.

Eh, tutta chesta robba nce mettette!

Stu dolce era na’ cosa favolosa:

o mettetteno nomme santarosa,

e ‘o vennettene a tutte’e cuntadine

ca zappavan’a terra llà vicine.

A gente ne parlava, e chiane chiane

giungett’e’ recchie d’e napulitane.

Pintauro, ca faceva ‘o cantiniere,

p’ammore sujo fernette pasticciere.

A Toledo  nascette ‘a sfogliatella:

senz’amarena era chiù bona e bella!

‘E sfogliatelle frolle, o chelle ricce

da Attanasio, Pintauro o Caflisce,

addò t’e magne, fanno arrecrià.

So’  sempe na delizia, na bontà!

English translation:

Between Amalfi and Positano,

immersed in a floral array

there was a cloistered convent.

Sister Clotilde, assigned to kitchen duties

Prayed from morning to night;

yet when it took her fancy

she prepared two layers of pastry.

Putting one on top and the other underneath,

Stuffed with a filling made with ricotta cheese.

Eh, she put all this stuff inside!

This dessert was absolutely unique:

It was called “Santa Rosa”,

and it was sold to all the peasants

who hoed the local land.

It became the talk of the town, gradually

the Neapolitans heard of it.

Pintauro, once an innkeeper, to make it,

magically turned into a pastry chef.

The “Sfogliatella” was born on Via Toledo:

it was more beautiful and delicious without its black cherry!

‘Sfogliatelle either “frolle”, or “ricce”

Whether you eat them at Attanasio’s, Pintauro’s or Caflisch’s,

they’re finger-lickin good.

They’re always so delightful, a true delicacy!

So’ doje sore: ‘a riccia e a frolla. Miez’a strada, fann’a folla.
Chella riccia è chiù sciarmante: veste d’oro, ed è croccante, caura, doce e profumata.
L’ata, ‘a frolla, è na pupata. E’ chiù tonna, e chiù modesta, ma sì a guarde, è già na festa!
Quann’e ncrontre ncopp’o corso t’e vulesse magnà a muorze.
E sti ssore accussì belle sai chi sò? Sò ‘e sfugliatelle!

English translation:

There are two sisters: the “riccia” and the “frolla”. People come to see them from near and far. The “riccia” is more enchanting: adorned with gold, she is crispy, hot, sweet and fragrant. While the other, the “frolla” looks just like a doll. She is more robust, more modest and she makes many heads turn!  When you meet them in the street, you would love to eat them with your eyes!

Do you know who these beautiful sisters are? They’re sfogliatelle!

There are countless places where sfogliatellas can be savoured, here are only a couple to whet your appetite!

Pintauro: https://www.pintauro.eu/it/

Attanasio: http://sfogliatelleattanasio.it/home.html

Cuor di Sfogliatella: https://www.cuoridisfogliatella.it/

Turismo

Scrivere e Tradurre il Turismo: Agrigento

Raccontare Agrigento in poche righe è impossibile. Qui, vi proponiamo una passeggiata tranquilla dall’alba (dal mattino, dai!) al tramonto, per iniziare a conoscere la città.

Immaginate di fare colazione in un piccolo bar del viale alberato, il viale della Vittoria, con il belvedere che si affaccia sul mare azzurro: gustatevi una granita con la classica brioscia col tuppo oppure, se non temete le calorie, provate il ciarduni. Scegliete un bar qualsiasi, vi troverete bene ovunque perché qui la pasticceria è cosa araba e serissima.

Fatto il pieno di zuccheri, dirigetevi verso la parte alta della città, quale che sia il punto in cui vi trovate, scegliete la salita. È ancora fresco e non ci sarà molto da sudare per arrivare in cima, alla cattedrale, dove, da uno dei punti più alti del centro cittadino, iniziamo il percorso visitando la cattedrale di San Gerlando, vescovo originario di Besançon, oggi patrono che si contende l’affetto degli agrigentini con San Calogero. La cattedrale è caratterizzata all’esterno da un’ampia gradinata, da un massiccio campanile, aggiunto nel XV secolo, e dalle monofore che richiamano la struttura originaria, mentre all’interno è suddivisa in tre navate accompagnate da finestre gotiche, sotto uno splendido soffitto ligneo centrale o cassettoni, di ispirazione spagnola. Scoprirete subito che, difficilmente, Agrigento e gli agrigentini possono definirsi semplicemente siciliani, o siculi o sicani: greci, romani, musulmani, normanni, spagnoli… probabilmente più centomila che uno o nessuno.

Dalla cattedrale, iniziate la discesa verso la via Atena, seguendo la via Duomo dove si trovano il Museo Diocesano e la Biblioteca Lucchesiana, della metà del XVIII secolo, capolavoro di cultura che ospita oltre 45 mila tra volumi tra manoscritti, codici miniati e incunaboli, purtroppo difficilmente visitabile senza prenotazione. Scendendo i gradini della breve via di S. Alfonso e percorsa la via che le dà il nome, ecco l’ingresso del piccolo cortile che vi introduce a quel piccolo e straordinario gioiellino medievale che è la chiesa di Santa Maria dei Greci: facciata gotica e fondamenta greche (sorge infatti su un tempio dorico del V sec. A. C.)!

Altri due passi e siete già in pieno centro, lungo la via Atenea, circondati dal giallo delle facciate dei palazzi antichi. Potrete scegliere di pranzare qui, in uno dei ristorantini che propongono i piatti della tradizione, legati al territorio, alle stagioni e al mare naturalmente.

Saltate la pennichella pomeridiana e recatevi alla casa natale di Luigi Pirandello: si trova a pochi chilometri dalla città, nelle campagne del Caos, e offre la possibilità di entrare a contatto con la vita privata dello scrittore premio Nobel per la letteratura.

Saranno sufficienti pochissimi chilometri in auto, o meglio in bici, per raggiungere la Valle dei Templi, e ritrovarsi in un’altra era e in un altro luogo: in Grecia sì, ma in una Grecia diversa e unica, per colori, architetture, atmosfere. I tre templi principali, di Giunone, della Concordia e di Ercole, dominano sugli altri tempi e sull’intero parco archeologico, completato dal museo, straordinaria raccolta delle civiltà che Agrigento ha fatto sue, e si lasciano accompagnare dagli ulivi e dai mandorli della Kolymbethra e dal panorama che si apre sul mar d’Africa.

È quasi sera e nei locali che si susseguono lungo le spiagge di sabbia dorata che da San Leone raggiungono Le Dune potrete scegliere qualcosa da bere sedendovi in riva al mare, pronti per ammirare il tramonto più bello che abbiate mai visto: il sole, di un giallo più carico ma sempre meno abbagliante, scende verso l’orizzonte fino a nascondersi sotto le onde piatte del mare.

E poi? E poi il mandorlo in fiore a febbraio oppure, in estate, le spiagge dorate libere e spaziose che da Licata si prolungano fino a Menfi e oltre. E il carnevale e l’allegria di Sciacca? E le sagre dei vari paesini, religiose di nome e incredibilmente allegre, gustose e pagane di fatto? E la Racalmuto di Sciascia? E gli aranceti di Ribera o i vigneti della provincia? E… il resto venite a scoprirlo!

Agrigento è un pezzetto di Italia dalla storia straordinariamente mediterranea, dove civiltà diverse si abbracciano da secoli in pieno spirito europeo: “uniti nella diversità”.

Turismo

They say “See Naples and die” … yet perhaps you haven’t seen Cava de’ Tirreni…

By Angela Monetta (Translation by Thérèse N. Marshall)

Travelling southwards from Naples, you come across several towns and charming little villages that are simply a must-see. About 15 km from the Amalfi Coast, before reaching the sea, there is a town with approximately 60,000 inhabitants that still retains its medieval charm, encompassing beauty and peculiarities dating back to ancient Roman times. From the high part of the town, it is possible to admire the entire valley with its colourful roofs, alongside the surrounding hills acting as its backdrop, until you reach its southernmost part overlooking the sea. Cava de’ Tirreni, of Etruscan origin, is one of the very few cities in the south to have porticoes, a symbol of commercial activity, since they provided shelter to those passing through this area on their way to Naples. To date, the city has still preserved its commercial structure and its porticoes have since become an authentic natural shopping centre hosting boutiques, clubs, pizzerias and pubs. In the evening, the streets are cram-packed with people who love to stroll through the streets doing a so-called “struscio” (wandering through the streets without any apparent destination).

All this is what Cava was in bygone days and has always been since then, but suddenly, at the beginning of March, everything came to a standstill… the streets became deserted, stripping the town of its soul. If, on the one hand, by observing the porticoes in perspective, it was possible to admire the city in all its glory, on the other hand, it gave an idea of the impact the pandemic and lockdown had had on Cava. Businesses were forced to close and there wasn’t a living soul in sight. The town had been deprived of its pulsing heart, its people, and the traders’ bustling business activities…

Yet Cava de’ Tirreni is not new to this kind of experience. Way back in 1656, the city had to face the Great Plague, as did other parts of Europe. Evidence of this can be found in the documents preserved in the municipal archives in Cava de’ Tirreni, Salerno and Naples.

In the document preserved in the municipal archives of Cava de’ Tirreni, the notary public Tommaso Gaudiosi once wrote: “Cava de’ Tirreni, (formerly known as “La Cava”) was also found to be infected by the disease without being able to defend itself in any way, as it was open on all sides, yet at the same time, neither did its superiors forbid it (the disease) entering.”

The city slowly and laboriously recovered from the plague to resume its frenetic business activities as a commercial town. Today, we are following in our fathers’ footsteps… having to pluck up courage, forming new alliances in order to support our town, that, once again, has to embark on the long road to recovery…

Come and visit the town in order to discover other characteristics that Cava de’ Tirreni has in store …

Turismo

Vedi Napoli e poi muori…disse colui che non era mai stato a Cava de’ Tirreni…

Scendendo da Napoli verso sud si trovano diverse città e piccoli borghi incantevoli assolutamente da non perdere. Prima di arrivare al mare, a circa quindici chilometri dalla Costiera Amalfitana, una cittadina di circa 60000 abitanti conserva ancora il fascino dei borghi medievali e racchiude bellezze e peculiarità che risalgono ai tempi degli antichi romani. Dalle alture cittadine è possibile ammirare l’intera valle con i suoi tetti colorati e le colline circostanti che la incorniciano fino ad aprirsi sul mare a sud. Di origine etrusca, Cava de’ Tirreni è una delle pochissime città del sud ad avere i portici, simbolo di attività commerciale, poiché offrivano riparo a coloro che si trovavano a passare da queste parti sulla strada verso Napoli. La città conserva ancora oggi il suo assetto commerciale e i suoi portici sono diventati un vero e proprio centro commerciale naturale dove è possibile trovare boutique di abbigliamento, locali, pizzerie e pub. Di sera le strade si riempiono di persone che amano passeggiare lungo il corso per fare il cosiddetto struscio (passeggiare rilassandosi tra le vie della città senza una meta).

Tutto questo è ciò che Cava era ed è stata da sempre, ma improvvisamente a inizio marzo tutto si è fermato… le strade sono rimaste deserte spogliando la città della sua anima. Osservare i portici in prospettiva, se da un lato dava la possibilità di ammirare la città in tutta la sua bellezza, dall’altro dava la misura di quello che è stato l’impatto della pandemia e del lockdown. Attività commerciali chiuse e nessuno per strada. Una città privata della sua anima più antica, la gente e l’attività frenetica dei commercianti…

Ma Cava de’ Tirreni non è nuova a questo tipo di esperienza, già nel 1656 la città dovette affrontare la Grande Peste così come avvenne in altre parti d’Europa. A testimonianza di ciò si possono consultare i documenti conservati nell’archivio del comune di Cava de’ Tirreni, di Salerno e di Napoli.

Nel documento conservato nell’archivio del comune di Cava de’ Tirreni il notaio Tommaso Gaudiosi scriveva: «Si ritrovò (a Cava de’Tirreni allora La Cava) infetta anch’Ella dal male senza potervi fare riparo, poiché essendo da ogni lato aperta, né essendosi dai superiori proibito affatto l’ingresso».

La città si riprese lentamente e faticosamente dalla peste per ritornare alla sua frenetica attività di città commerciale.

E noi oggi stiamo ripercorrendo le orme dei nostri padri… abbiamo raccolto le nostre forze e stretto nuove alleanze per sostenere una città ancora una volta in ripresa…

Tutto il resto venite a scoprirlo di persona….