Turismo

Viaggio in Italia

Il 2020 è l’anno del Covid-19. Tutto ciò che questo virus ha portato, più o meno indirettamente, più o meno trasversalmente, nelle nostre vite ci ha cambiato e continuerà a cambiarci. Alcune generazioni ricorderanno bene com’era la vita “prima”. Per altre generazioni, invece, il “dopo” sarà la normalità.

Per i più fortunati, una delle limitazioni difficili da accettare è, sicuramente, l’impossibilità di viaggiare alla scoperta del mondo e delle diversità culturali. Quanti di noi avevano in progetto un viaggio particolare, all’altro capo del mondo? Dopo mesi di chiusura, precauzioni, file, distanziamenti, la voglia di evadere è ancora più grande e, invece, ci ritroviamo con meno risorse e a dovere riprogrammare tutto, a scegliere destinazioni che probabilmente non avremmo scelto per svariati motivi. Ebbene sì, le cose cambiano e allora….

E allora noi cambiano destinazione: quest’estate andremo alla scoperta della nostra nazione, di ciò che ci rende simili e diversi e di tutto quello che, soprattutto, ci unisce!

Eccovi alcune immagini delle nostre meraviglie, che vi siano di ispirazione per le vostre destinazioni e… Buone vacanze!

Senza categoria, Turismo

Viaggio nel tempo: l’esercito che ha conquistato il futuro

Nella valle del Fiume Giallo, nel cuore della Cina, in un territorio ricco di limo fine, giallo e fertile, l’esercito di Xi’an ha attraversato i secoli e ha vinto la guerra per l’eternità… e forse era proprio questo l’intento di Qin Shi Huangdi. Il primo imperatore della Cina scelse infatti questo esercito di fanti, arcieri e cavalieri a protezione del suo mausoleo, opera ancora oggi in fase di scoperta.

Il sito archeologico di Xi’an, nonostante sia sempre affollatissimo, offre un’esperienza unica ed emotivamente intensa (in particolare per chi conosce le tribolazioni degli esami di Archeologia e storia dell’arte della Cina). Il parapetto che circonda l’immensa fossa dalla quale emergono, in fila, i soldati di Xi’an funge da stargate tra due epoche distanti oltre 2000 anni: l’esercito ordinato e fiero ci guarda, quasi a volersi presentare.

Accompagnati da carri e cavalli, anch’essi di dimensioni e finiture che lasciano trasparire il desiderio di aderenza alla realtà, sono oltre 8000 i guerrieri “emersi”, molti ancora attendono di essere presentati al futuro. Li scopriamo disposti, nelle tre fosse, in formazioni secondo uno schema militare, nel pieno rispetto delle gerarchie dell’epoca, distinguibili dall’abbigliamento, dalle acconciature e persino dalla disposizione delle mani. Uniti nel destino, i guerrieri di terracotta sono testimoni della straordinaria nascita di quella che oggi chiamiamo Cina: ognuno di essi racconta la storia anche attraverso il proprio volto, diverso da tutti gli altri, ma i cui tratti consentono di indovinarne la provenienza. Alcuni volti hanno in comune fronti spaziose e labbra carnose e, molto probabilmente, sono i volti dei soldati originari dal Guanzhong; altri dalla forma tonda e con il mento appuntito lasciano supporre che la provenienza fosse quella dell’attuale Sichuan.

Fra questi un’emozione particolare suscita il balestriere, o arciere, inginocchiato con le mani che sembrano stringere ancora una balestra che non esiste più. La sua balestra e le molte armi dei suoi commilitoni furono probabilmente saccheggiate dai tombaroli delle epoche passate. Anche il balestriere, come i suoi compagni di viaggio, è di dimensioni e aspetto “più che umani”: l’altezza della statua, che raffigura un uomo in ginocchio appunto, è di ben 122 cm; indossa una corazza a placche sopra la veste lunga, i gambali e le scarpe a punta quadrata. L’arciere era schierato, insieme ad altri tiratori, sulla postazione di avanguardia della fossa n. 2. Anche il suo corpo è stato fatto a mano, con incisioni la cui elaborazione semplice contrasta con la precisione del volto, con sopracciglia marcate e vivide a sottolineare la fierezza dello sguardo e uno chignon che raccoglie i capelli sul lato destro della testa, indicandone il rango.

Meraviglia del mondo, patrimonio dell’Unesco, Xi’an ci permette oggi di comprendere a pieno la grandezza di una civiltà troppo spesso, e troppo facilmente, stereotipata: Xi’an e il suo esercito rappresentano le conoscenze artistiche, tecnologiche, politiche e militari, e di molto altro ancora, che hanno reso le molteplici civiltà di questi territori unite in quella straordinaria realtà che è la Cina.

Turismo

Bologna è…

(alla scoperta dell’Archiginnasio)

Archiginnasio, Bologna

Recandomi a visitarlo munita di una piccola guida da leggere, ho finito per farmi l’idea che l’Archiginnasio è la metafora di un periodo particolare della vita entusiasmante e intensa di Bologna.

Erano anni di crescita e di fermento. Erano gli anni in cui Bologna si preparava a entrare nei secoli come “la rossa, la grassa, la dotta” (… e la turrita, sì!). Ed erano gli anni del Concilio, in pieno XVI secolo, e poiché a Trento correva il pericolo della peste, per un paio d’anni alcune sessioni del Concilio stesso vennero organizzate qui, dove Carlo Borromeo concretizzava l’idea di riunire le sedi universitarie cittadine in un unico polo. Illuminato dall’esigenza di riorganizzazione urbanistica e di ulteriore sviluppo culturale, il Borromeo, insieme a Pier Donato Cesi, affidò all’architetto Antonio Morandi la realizzazione di “nuove scuole” dove sarebbero confluite tutte le discipline studiate: benvenuti all’Archiginnasio!

La facciata dell’Archiginnasio, tutta porticati naturalmente, si contende lo spazio con la fiancata della basilica di San Petronio e con piazza Galvani. I materiali che prevalgono sono cotto e arenaria, voluti dal Morandi che, a quanto pare, deve il soprannome di Terribilia proprio alla scelta di decorare con motruosità antropomorfe e animalesche i mascheroni di alcune finestre dell’edificio.

All’ingresso, superato il piccolo atrio che si apre di fronte all’ampio cortile circondato dai porticati distribuiti su due livelli, ritrovo a destra e a sinistra gli scaloni che conducono al piano superiore dove si trovano ancora le 10 aule e, in fondo, le due aule magne destinate alle due categorie di studenti: gli artisti e i legisti. Il termine “artisti” potrebbe indurre a pensare che in questa categoria rientrassero studenti di materie come la musica e pittura; in realtà, gli artisti dell’Archiginnasio erano studenti di filosofia, scienze, matematica e medicina. I legisti, invece, studiavano il diritto canonico e il diritto civile.

Mi fermo qualche minuto al piano terra sotto il fresco dei porticati ad osservare il cortile, lo stesso che, ogni tanto qualche sera d’estate diventa punto di incontro fra lettori e scrittori. Leggendo scopro che in passato proprio in questo cortile si celebrava, fra gli altri, un evento altrettanto importante: la preparazione della Teriaca, il miracoloso preparato farmaceutico descritto anche nelle ricette della scuola salernitana. Ancora sotto il porticato, gli occhi non riposano e non mi servirà l’immaginazione per sentirmi circondata dall’autorevolezza degli stemmi araldici che decorano le pareti e il soffitto dei porticati e che mi accompagneranno anche lungo le pareti del loggiato del piano superiore. Gli stemmi araldici costituivano una “carta di identità” degli studenti esposta qui volutamente per testimoniare l’importanza e il prestigio dell’università bolognese.

Ancora al piano terra si trova la cappella di Santa Maria dei Bulgari: entrando scopro la vita della Madonna raccontata nei quadri di Bartolomeo Cesi e la Pala dell’Annunciazione del fiammingo Calvaert.

Per passare al piano superiore, dove si trovano le aule, il teatro anatomico e altre meraviglie, devo scegliere fra le scale degli artisti, celebrate con una memoria al medico Venceslao Lazzari, e le scale dei legisti, dedicate al patron Carlo Borromeo. Ne scelgo una a caso, ripromettendomi di scendere con l’altra!

Archiginnasio, Bologna

Lungo il loggiato superiore, stemmi, monumenti e iscrizioni si susseguono alternandosi fra le opere dedicate a grandi personaggi e gli ingressi alle aule, tra le quali primeggia il Teatro Anatomico. Progettato nella prima metà del XVII dal bolognese Levanti, il “teatro” in realtà era una vera e propria aula di anatomia con tanto di cadavere esposto al centro ed esaminato e spiegato dal docente agli studenti che occupavano quelli che, in un teatro, sarebbero appunto i posti del pubblico. Si presenta con la forma un anfiteatro interamente in legno d’abete, governato e sovrastato dall’eloquenza delle statue di importanti medici e anatomisti, sui quali domina l’Anatomia. Continuando lungo il loggiato trovo l’ingresso alla sala dello Stabat Mater, che scopro chiamarsi così, non per coincidenza, ma proprio per ricordare la prima dell’opera di Rossini tenutasi proprio in questa sala nel 1842 e diretta da Donizetti. Last but not least, la Biblioteca. Nata qualche secolo dopo, raccoglie, fra gli altri, i patrimoni cartacei di antiche congregazioni religiosi, e, in linea con la crescita culturale continua che caratterizza la città, continua a rinnovarsi. Oggi è possibile accedere a testi di vario tipo e consultarli proprio all’interno delle straordinarie sale di lettura, che ospitano anche convegni ed eventi vari.

La solennità degli stemmi, i tratti di barocchetto bolognese, le memorie a medici e personaggi illustri, le espressioni dei quadri dei santi e mille altri spunti, mi hanno lasciato con l’interesse e il gusto di guardare l’arte oltre l’immagine o la forma, scoprendone dettagli e storie.

Enjoy!

Enogastronomia, Turismo

In giro per l’Italia: di sagre, castelli e meveza ‘mbuttunata…

Turismo locale enogastronomico

Oggi è sabato 20 giugno 2020, una data che difficilmente la città di Cava de’ Tirreni dimenticherà. Ogni anno si tiene la tradizionale Sagra di Monte Castello, una festa religiosa abbinata a un tradizionale corteo storico medievale, fatto di dame, cavalieri, musici, soldati e archibugi.

A causa della recente pandemia, l’edizione di quest’anno è stata limitata alla celebrazione eucaristica e alla tradizionale benedizione della città dall’alto della collina che la sovrasta. Monte Castello, appunto!

Ma volete mettere l’odore di aceto della milza, il rullare dei tamburi e gli spari degli archibugi che accompagnano da decenni questa giornata? Le bandiere, i costumi medievali, i casali, gli archibugi (tipica arma medievale), gli spari in villa comunale e i fuochi d’artificio la sera conclusiva della festa… Ognuno porta in cuor suo un ricordo legato a questa manifestazione, che lo riporta ad antichi sapori e tradizioni che appartengono alla sua famiglia da diverse generazioni, e che è ormai parte del suo dna.

Ogni cavese che si rispetti ha in cuor suo la nostalgia di tutto ciò e io non posso dire di sentirmi diversamente…

Per darvi solo un assaggio culinario di come si festeggia questa festa voglio lasciarvi la ricetta del piatto tipico, per antonomasia, di Cava de’ Tirreni… a meveza ‘mbuttunata (la milza imbottita):


Ingredienti:

1 milza di vitello

prezzemolo abbondante

2 spicchi d’aglio

100 grammi di aceto di vino rosso

1 bottiglia di vino rosso

peperoncino piccante

sale e olio q.b.

Procedimento:

Eliminare il grasso esterno dalla milza e creare un buco al centro in senso verticale per ottenere una specie di sacca che andrà condita con prezzemolo tritato, aglio, sale e peperoncino piccante. Quindi, in una pentola alta e larga soffriggere i 2 spicchi di aglio in olio bollente e aggiungere la milza e far dorare su entrambi i lati, appena dorata, innaffiare con vino e  aceto, far cuocere a fuoco moderato per circa 1 ora. A cottura ultimata, far raffreddare e dopo tagliare a fette di circa 2 cm, prestando attenzione al ripieno. 

Per vivere davvero la festa con tutti i crismi purtroppo dobbiamo aspettare il prossimo anno. Sarà sicuramente un’esperienza unica per chi la vive ogni anno da quando era bambino e per chi viene da lontano e sceglie Cava per fare una breve sosta…

Regno Unito, Turismo

Benvenuti al Nord… del Regno Unito ovviamente!

scritto da Silvana Collura

Orwell, che di ottimismo se ne intendeva, scrisse “Sheffield, I suppose, could justly claim to be called the ugliest town in the Old World”… Eppure, laggiù, anzi lassù nel South Yorkshire, la classe operaia della capitale dell’acciaio e dei coltelli, proprio quelli dei Racconti di Canterbury, si stava già guadagnando il paradiso, superando prima la crisi dell’acciaio damasco e poi una drammatica alluvione. 

Oggi, Sheffield offre uno splendido quadro dell’Inghilterra del Nord: forte delle esperienze del passato, arricchita dal fermento della storica Università, questa città consente di incontrare un’identità unica e genuina, a metà strada tra Edinburgo e Londra.

Una semplice passeggiata in città vi consentirà di ammirare edifici straordinari come il municipio e la sede dell’Università, di visitare il museo dell’acciaio, rilassarvi in uno dei parchi o al giardino botanico, gustare qualcosa di buono in uno dei pub su London Road e concludere la giornata scegliendo fra gli spettacoli al Crucible Theatre o a bere una straordinaria ale!

Naturalmente, non possiamo non ricordarvi che Sheffield è la città degli eroi di Full Monty… e allora via, a caccia delle location “post-industriali” che hanno partecipato, co-protagoniste a pieno titolo, al film di Peter Cattaneo! Perché non recarsi al Job Centre e cimentarsi nella “Hot stuff” dance?

Infine, Sheffield è indubbiamente una scelta strategica per visitare facilmente e con comodità altre mete imperdibili nello Yorkshire: Manchester, York, Leeds e Nottingham, per chi ama le città, lo splendido Peak District National Park, per chi ama la natura e, con qualche miglio in più, la Spurn National Nature Reserve!

Enjoy!

Welcome to God’s country!

tradotto da Thérèse Nicole Marshall

Orwell, an avowed optimist, wrote, “Sheffield, I suppose, could justly claim to be called the ugliest town in the Old World”… And yet, over there, indeed up there in South Yorkshire, the working class capital of steel and blades, the very knives mentioned in the Canterbury Tales, was already earning its place in heaven, first overcoming the Damascus steel crisis and then a dramatic flood. 

Today, Sheffield provides a splendid picture of the North of England: fortified by experience gained in its bygone years, enriched by the bustling atmosphere at the historic University, this city enables you to encounter a unique yet genuine identity, located halfway between Edinburgh and London.

A simple stroll through the city will allow you to admire extraordinary buildings such as the City Hall and the University headquarters, visit the Steel Museum, relax in one of the parks or at the botanical garden, savour something scrumptious in one of the many pubs on London Road, ending the day by being spoilt for choice at the shows being staged at the Crucible Theatre or sipping an extraordinary ale!

Of course, we could not fail to point out that Sheffield is the city of the Full Monty heroes… and so let’s set off in pursuit of the “post-industrial” locations that were featured in Peter Cattaneo’s film! Why not go to the Job Centre and try your hand at the “Hot stuff” dance?

Finally, Sheffield is undoubtedly a strategic choice to easily and conveniently visit other must-see destinations in Yorkshire including Manchester, York, Leeds and Nottingham to name but a few, for those who love cities, alongside the beautiful Peak District National Park, for nature lovers and, by travelling further afield, the Spurn National Nature Reserve!

Enjoy!